Passaporto elettronico: come fare per richiederlo, costi, tempi, documenti necessari e prenotazione online

Guida completa al passaporto elettronico: come fare per richiederlo, quali sono i documenti necessari, i costi e i tempi per il rilascio

Il passaporto elettronico è l’unico documento di identità che vi permette di entrare in qualsiasi paese del mondo, salvo restrizioni personali e in taluni casi accompagnato da un visto.

Quando è necessario richiedere il passaporto elettronico? Semplicemente ogni volta che si visita un paese europeo o extra europeo in cui non è sufficiente la comune carta di identità valida per l’espatrio.

In questo articolo vi guideremo passo passo spiegandovi come fare per richiedere il rilascio del passaporto elettronico, quali i documenti, i tempi necessari e i costi da sostenere (vi anticipiamo che è stata abolita la marca da bollo annuale), come evitare le file grazie alla prenotazione del passaporto online e cosa fare nel caso in cui il vostro documento sia scaduto e avete quindi bisogno del rinnovo del passaporto.

Cos’è il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico è un libretto di 48 pagine, dal colore rosso scuro / marrone e di aspetto molto simile al vecchio passaporto cartaceo. Potete vederne un fac-simile cliccando qui.

Nel 2006 il tradizionale passaporto cartaceo è stato sostituito dal passaporto elettronico. Parlare quindi di “passaporto” o  “passaporto elettronico”, è, oggi come oggi, la stessa cosa: tutti i passaporti attualmente rilasciati sono elettronici.

Anche l’aspetto è estremamente simile, la differenza principale consiste nel fatto che la copertina contiene un microchip che memorizza i dati anagrafici, la foto e le impronte digitali del titolare: questo permette l’identificazione immediata della persona semplicemente passando la pagina di copertina sotto un lettore ottico.

Altra peculiarità del passaporto elettronico è che la pagina 2 riporta la firma digitalizzata del titolare, salvo i minori di 12 anni, chi è dichiarato analfabeta con atto di notorietà e chi ha un impedimento fisico accertato a rilasciare la propria firma.

I passaporti elettronici rilasciati tra il 2006 e il 2010 non hanno le impronte digitali memorizzate nel microchip, tuttavia sono egualmente validi per viaggiare in paesi dalle norme sull’immigrazione anche molto restrittive, come ad esempio gli Stati Uniti. In caso di dubbi informatevi presso l’ambasciata del paese che andrete a visitare.

Quando usare il passaporto

Come abbiamo detto, il passaporto è un documento obbligatorio per viaggiare in tutti quei paesi che non accettano la carta di identità, tuttavia sappiate che si può utilizzare sempre e in ogni circostanza come documento di riconoscimento, anche in Italia.

Se già in possesso del passaporto inoltre, vi consigliamo di utilizzarlo anche in paesi che richiedono la carta di identità come documento di ingresso. Infatti, sebbene la carta di identità italiana sia un documento legalmente valido, è più facilmente falsificabile e più facilmente deteriorabile.
Ciò comporta che spesso i controlli siano più lunghi e meticolosi e che ogni imperfezione, segno di usura o danneggiamento della carta di identità comporti disagi, a partire dalla semplice perdita di tempo fino addirittura al diniego di ingresso.

Possiamo quindi affermare che il passaporto elettronico è più sicuro, più resistente all’usura e permette controlli di identità molto più rapidi.

Come richiedere il passaporto elettronico

La richiesta del passaporto è una procedura burocratica un po’ lunga ma tutto sommato semplice. Qui di seguito vi spieghiamo passo per passo come ottenere il passaporto elettronico se siete cittadini italiani residenti in Italia.

Il passaporto elettronico viene rilasciato dalla Questura o dall’ufficio passaporti del Commissariato di Pubblica Sicurezza presenti nel vostro luogo di residenza . Per richiederlo occorre recarsi personalmente per la consegna dei documenti necessari, per la rilevazione delle impronte digitali e per la firma dei documenti.

È possibile richiedere il passaporto anche in un luogo diverso da quello di residenza, ma ciò comporterà tempi più lunghi, per due motivi:

Prenotare l’appuntamento per la richiesta dal passaporto online

Agenda PassaportoPer meglio organizzare il rilascio dei passaporti elettronici ed evitare ai cittadini lunghe code, la Polizia di Stato ha creato il servizio onlineAgenda Passaporto“, ovvero un sito web in cui dopo una rapida registrazione, è possibile fissare un appuntamento per la presentazione della documentazione, prenotando luogo, data e ora secondo le disponibilità mostrate in tempo reale.

Anche se non è obbligatorio, vi consigliamo vivamente di prendere appuntamento attraverso il servizio Agenda Passaporto, così da evitare inutili code e perdite di tempo.

Presentarsi in questura

Il giorno dell’appuntamento recatevi in Questura (o altro ufficio competente) portando con voi i documenti necessari: trovate l’elenco qui in basso. Il personale addetto controllerà i vostri documenti, la validità delle foto e prenderà le vostre impronte digitali, avviando così la procedura per il rilascio del passaporto.

È possibile presentarsi in questura con tutta la documentazione anche senza aver prima preso appuntamento su Agenda Passaporto.  Tuttavia le file potrebbero essere lunghissime e verrete serviti per ultimi.

Ritirare il passaporto

Quando il vostro passaporto sarà pronto potrete passare a ritirarlo in Questura o Commissariato. Il giorno della consegna dei documenti vi verranno comunicati i tempi per il ritiro.

È possibile delegare al ritiro un’altra persona (purché maggiorenne), ma questo richiede una delega legalizzata da un notaio o da un ufficiale dell’anagrafe, cosa che può rivelarsi costosa sia in termini di soldi che di tempo.

Se non potete ritirarlo personalmente meglio richiedere la consegna a domicilio del passaporto tramite il servizio a pagamento di Poste Italiane. Il servizio va richiesto direttamente alla Questura dove vi verrà consegnata una busta di Poste Italiane da compilare con il vostro indirizzo e contestualmente una ricevuta con il riferimento per il tracciamento del plico.

Documenti necessari per il rilascio del passaporto elettronico

I documenti necessari per richiedere il passaporto elettronico sono:

Documentazione opzionale:

Quanto tempo occorre per ottenere il passaporto

I tempi per il rilascio del passaporto elettronico sono variabili da regione a regione e da città a città. In media considerate almeno 15 giorni.

Tuttavia gli uffici preposti solitamente organizzano i tempi di consegna in base alle esigenze del richiedente, per cui se comunicherete che vi servirà entro due mesi probabilmente impiegheranno alcune settimane per rilasciarlo mentre se per qualche ragione doveste averne urgenza potrebbero consegnarvelo anche entro pochi giorni o addirittura ore.

Vi consigliamo caldamente di non fare troppo affidamento sull’efficienza della burocrazia e richiedere con largo anticipo rispetto alla partenza il vostro passaporto, soprattutto in periodi di alta stagione quando la maggioranza degli italiani va in vacanza.

Quanto costa il passaporto elettronico

Attualmente il costo del passaporto elettronico è di 116,00 euro, comprensivi del versamento al Ministero dell’Economica e delle Finanze e della marca da bollo come spiegato nel paragrafo “Documenti necessari per il rilascio del passaporto elettronico”.

Non occorre più pagare la tassa annuale, come invece avveniva in precedenza. Una volta rilasciato, potrete usare il vostro passaporto fino alla data di scadenza senza ulteriori spese.

Durata del passaporto elettronico

La durata del passaporto elettronico è variabile a seconda che venga rilasciato a maggiorenni o minorenni:

Attenzione, molti paesi esigono almeno 6 mesi di validità residua dalla data di ingresso. Vi consigliamo sempre di verificare le norme in vigore nel paese di destinazione sul sito della Farnesina dedicato ai viaggiatori all’indirizzo viaggiaresicuri.it.

Rinnovare il passaporto elettronico

Il passaporto elettronico non si rinnova. Alla scadenza occorre richiedere l’emissione di un nuovo passaporto, seguendo la stessa procedura per il primo rilascio, portando con sè il vecchio documento.

Passaporto elettronico per il minori

Secondo l’attuale normativa i minori possono viaggiare all’estero solo se in possesso di documento d’identità individuale. Non è più possibile iscrivere i figli al passaporto dei genitori, come avveniva in passato, ma rimangono validi fino alla data di scadenza i passaporti dei genitori con iscrizioni di figli minori già rilasciati.

La procedura per il rilascio del passaporto per un minore è molto simile a quella da seguire per i cittadini maggiorenni: ovviamente in questo caso sarà il genitore ad avviare la procedura per conto del bambino o ragazzo.

Anche in questo caso occorre prenotare l’appuntamento online tramite il sito Agenda Passaporto. La prenotazione va fatta a nome di uno dei genitori (non è ammessa la registrazione al sito da parte di minorenni), mentre il resto della pratica verrà fatta a nome del minore.

I documenti da presentare sono gli stessi richiesti per un maggiorenne, salvo alcune differenze:

Anche nel caso di minorenni il costo del passaporto elettronico è 116,00 euro.

Il giorno dell’appuntamento presentatevi in Questura con il minore: deve infatti essere fisicamente presente per il riconoscimento della fotografia.

Ricordiamo che essere in possesso di passaporto non autorizza i minori al di sotto di 14 anni a viaggiare senza accompagnatore (un genitore, un tutore o una persona designata dai genitori in possesso di dichiarazione di accompagno). Per ulteriori informazioni consultate il sito Viaggiare Sicuri a cura del Ministero degli Esteri.

Passaporto per gli Stati Uniti

Essere in possesso di passaporto elettronico è uno dei requisiti obbligatori per poter accedere al Visa Waiver Program, la procedura che permette di viaggiare negli Stati Uniti senza dover richiedere un visto.

Al posto del visto, che va richiesto in ambasciata e comporta una procedura lunga e costosa, vi basterà semplicemente compilare un modulo online di autorizzazione al viaggio chiamato ESTA (Electronic System for Travel Authorization).

Per maggiori informazioni leggi i documenti necessari per visitare gli Stati Uniti.

Cosa fare in caso di smarrimento o furto del passaporto

In caso di smarrimento o furto del passaporto elettronico la prima cosa da fare è la denuncia alla polizia locale.

Se vi trovate all’estero potete tornare in Italia richiedendo al consolato un nuovo passaporto o un documento di viaggio provvisorio chiamato EDT. La procedura è spiegata nel dettaglio sul sito Viaggiare Sicuri.

Una volta tornati in Italia non potrete fare domanda di duplicato ma sarete costretti a chiedere il rilascio di un nuovo passaporto secondo la procedura che abbiamo descritto in questo articolo.

In aggiunta ai documenti che vi abbiamo elencato dovrete presentare anche la denuncia di furto o smarrimento, ma attenzione perché spesso viene richiesta la denuncia fatta ad un ufficio competente italiano, quindi potrebbe non essere riconosciuta valida quella che avete fatto all’estero. In altre parole, dovrete fare una nuova denuncia.

Procedura per gli iscritti AIRE

Il documento di viaggio temporaneo può essere rilasciato solo per tornare in Italia o in altro paese in cui siete ufficialmente residenti. Se vivete all’estero, una volta tornati nel vostro paese dovrete rivolgervi all’ambasciata per avviare la procedura di rilascio di un nuovo passaporto.

Per saperne di più

Il sito ufficiale per informazioni sul rilascio del passaporto elettronico è il portale della Polizia di Stato, che contiene tutte le istruzioni dettagliate, i riferimenti di legge e una serie di utili video-tutorial.

Se sieti incerti sui documenti necessari per recarvi in un determinato paese potete invece consultare il già citato sito Viaggiare Sicuri. Contiene informazioni dettagliate su documenti e situazione sanitaria aggiornate per tutti i paesi del mondo.

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 4.6 su 56 voti
Condividi