Cosa fare quando il bagaglio non arriva o viene smarrito

Come ridurre i disagi in caso di bagaglio in ritardo o smarrito, quali i diritti del viaggiatore e come fare per ottenere un risarcimento.

Il bagaglio che non arriva o che viene smarrito è certamente una delle situazioni più odiate dai viaggiatori di tutto il mondo.

Ritrovarsi davanti al nastro del ritiro bagagli, con le gambe ancora intorpidite dal volo e la testa già impegnata a cosa fare una volta usciti dall’aeroporto, e rendersi conto che la propria valigia non è sul nastro trasportatore è una pessima sensazione purtroppo piuttosto frequente, soprattutto nei voli internazionali.

Non importa se si è appena arrivati in una nuova destinazione o si è atterrati a casa: l’idea di ritrovarsi senza i propri effetti personali è decisamente destabilizzante.

In questo articolo vi spiegheremo quindi come comportarsi in caso di bagaglio smarrito o in ritardo, per essere certi di avere la situazione sotto controllo, far valere i propri diritti ed evitare di mandare a quel paese chiunque vi capiti davanti.

Per prima cosa, fate un bel respiro e mantenete la calma. Rendersi conto che il proprio bagaglio è stato smarrito potrebbe mettere in difficoltà anche il passeggero più zen, ma bisogna evitare di passare dalla ragione al torto assumendo un comportamento infuriato. È necessario piuttosto ricordare quali sono le cose da fare e i diritti a cui ci si può appellare.

Rivolgersi all’ufficio Lost&Found

Una volta appurato che il vostro bagaglio non è sul nastro, rivolgetevi immediatamente all’ufficio Lost&Found Ufficio Bagagli Smarriti.
Il banco si trova sempre nell’area di ritiro bagagli, raggiungetelo con in mano la vostra carta di imbarco e la ricevuta del vostro bagaglio da stiva.

Riconoscere la ricevuta del bagaglio imbarcato

La ricevuta è quel talloncino adesivo che viene applicato sul vostro documento di identità o sulla carta di imbarco nel momento in cui fate il check-in.
A tal riguardo è fondamentale ricordare di non smarrire i talloncini dei bagagli fino a quando non ritirerete il vostro bagaglio e uscirete dall’aeroporto. I talloncini infatti servono sia a voi per avere traccia del codice di spedizione del bagaglio, sia per dimostrare, nel caso di eventuali controlli delle forze dell’ordine, che il bagaglio che avete ritirato è proprio il vostro.

Dopo aver spiegato al membro dello staff di terra la vostra situazione e fornito i riferimenti dei bagagli mancanti, l’operatore verificherà la posizione del bagaglio. Nel caso in cui il bagaglio non risulti effettivamente arrivato, le possibilità saranno due: nella migliore delle ipotesi, il bagaglio è per questioni tecnico-organizzative in ritardo e verrà imbarcato sul prossimo volo (in giornata o nelle prossime 24 ore), oppure nel caso peggiore, non verrà immediatamente riscontrata la sua posizione e andrà avviata la pratica di smarrimento.

Bagaglio in ritardo

Se il vostro bagaglio è solo in ritardo siete fortunati, in questo caso di solito ne tornerete in possesso entro 24 o al massimo 48 ore, i più fortunati addirittura in giornata.

Il bagaglio infatti sarà imbarcato sul prossimo volo disponibile: chiaramente la rapidità con cui arriverà dipenderà molto dalla frequenza dei voli della compagnia verso la vostra destinazione.

Per la riconsegna, vi verrà chiesto se desiderate ritirare il bagaglio in aeroporto o preferite riceverlo gratuitamente a mezzo corriere presso un indirizzo a vostra scelta. La prima opzione chiaramente ha senso solo se vi verrà garantito che il bagaglio arriverà entro poche ore e voi sarete ancora nei paraggi (magari perchè avete un hotel a pochi passi dall’aeroporto), diversamente vi consigliamo di farvelo spedire sempre presso un indirizzo a scelta.

Bagaglio smarrito

Nel caso in cui il bagaglio risulti effettivamente smarrito andrà avviata la relativa denuncia. Vi verrà richiesto di compilare un modulo PIR (acronimo della sigla inglese Property Irregularity Report), in cui bisognerà fornire quante più informazioni possibili riguardo il proprio bagaglio (colore, dimensioni, forma, marchio e altri dettagli indicativi della valigia interessata), oltre ai contatti del passeggero, come indirizzo in loco e numero di telefono.

Se possibile, è consigliabile fornire una descrizione dettagliata del valore degli oggetti contenuti all’interno della valigia: vi servirà qualora il bagaglio in questione dovesse essere dichiarato ufficialmente smarrito. A partire dal momento della denuncia, le pratiche per la ricerca del bagaglio perduto sono ufficialmente avviate.

Solitamente il bagaglio smarrito viene ritrovato nel giro di 24 o 48 ore; al momento della denuncia il passeggero ha il diritto di decidere se preferisce ritirarlo in aeroporto o assicurarsi che il bagaglio venga riconsegnato tramite corriere direttamente presso l’indirizzo in loco fornito in fase di denuncia. Di solito il passeggero viene contattato da un membro dello staff della compagnia aerea al momento del ritrovamento.

Alcuni aeroporti utilizzano World Tracer, un servizio di ricerca mondiale dei bagagli che consente di ottenere informazioni sulla localizzazione del bagaglio. Informatevi a questo riguardo e, se possibile, tenete la ricerca del vostro bagaglio sotto controllo attraverso questo servizio online.

Far fronte all’emergenza

In caso di bagaglio in ritardo o smarrito ogni passeggero ha la possibilità di appellarsi al Regolamento (CE) n. 889/02 per far valere i propri diritti.

Secondo quanto stabilito dalla Convenzione di Montreal, le compagnie aeree devono offrire immediatamente ai propri passeggeri un kit con beni di prima necessità, quali articoli da toilette (spazzolino da denti, crema da barba, deodorante, dentifricio, ecc.), pigiama e un cambio di vestiti, oppure fornire dei buoni acquisto per provvedere autonomamente. Rivolgetevi direttamente alla compagnia aerea per sapere quali delle due possibilità vi sarà offerta ed eventualmente il margine di spesa. Ricordate in questo caso di conservare tutte le ricevute di pagamento: vi serviranno per poter richiedere il risarcimento delle spese sostenute alla compagnia aerea.

Risarcimento per bagaglio smarrito

Sebbene la speranza sia l’ultima a morire, un bagaglio può essere considerato ufficialmente smarrito se non viene restituito entro 21 giorni dalla data della denuncia.

Secondo quanto stabilito dalla Convenzione di Montreal si possono ottenere fino a circa €1200 per distruzione, perdita, danni o ritardo dei bagagli.

Oltre che per i bagagli regolarmente registrati al check-in, il rimborso è applicabile anche nel caso in cui sia stato smarrito un bagaglio a mano, messo in stiva dalla compagnia aerea per questioni di politiche interne, come capita spesso con compagnie low cost. Anche in tal caso quindi, tutte le compagnie aeree hanno il dovere di fornire un risarcimento.

Come richiedere un risarcimento

Allo scadere dei 21 giorni dalla data della denuncia in aeroporto, ogni passeggero ha il diritto di richiedere un risarcimento. Sarà quindi necessario presentare una lettera di reclamo presso la compagnia aerea interessata indicando in maniera chiara l’oggetto della propria richiesta – in questo caso si tratta di risarcimento per bagaglio smarrito – e allegare i seguenti documenti:

  • La copia del documento PIR compilato al momento della denuncia
  • Una lista dettagliata sul valore dei beni contenuti all’interno della valigia (se possibile allegare ricevute di pagamento)
  • La copia del biglietto aereo
  • La copia dello scontrino (talloncino adesivo) del bagaglio in questione

Cosa fare in caso di risarcimento negato

Nel caso in cui la vostra richiesta di risarcimento non dovesse andare a buon fine, ci si può rivolgere al giudice di pace o a una delle tante agenzie online che si occupano di far valere e rispettare i diritti dei passeggeri. Le convenzioni internazionali e le precedenti sentenze emesse serviranno a sostegno della vostra causa.

Stipulare un’assicurazione per il bagaglio

Molti viaggiatori scelgono di stipulare una polizza che copra eventuali problemi o inconvenienti che possano accadere al bagaglio imbarcato.

Un’assicurazione di viaggio relativa al bagaglio può coprire sia la ritardata consegna che il furto, lo smarrimento o il danneggiamento del bagaglio.

Qualora abbiate scelto di acquistare l’assicurazione per il bagaglio (ricordate di leggere attentamente tutte le clausole prima di aderire) rivolgetevi immediatamente alla vostra agenzia assicurativa per avere ciò che vi spetta ed avviare le procedure di indennizzo.