L’area Schengen e i paesi che ne fanno parte

Quali sono i paesi che compongono l'area Schengen che hanno abolito i controlli alle frontiere, quali sono i vantaggi e quali paesi invece non ne fanno parte.

Schengen è un termine ricorrente in aeroporto e qualsiasi viaggiatore, prima o poi, si domanderà cosa sia e come può influire sul suo viaggio. In questo articolo scopriremo quindi il suo significato, in cosa consiste e quali paesi ne fanno parte.

In breve, l’area Schengen (chiamata anche Spazio Schengen o Zona Schengen) è l’area composta da 26 stati europei più 3 extra UE, che, attraverso l’omonimo Trattato di Schengen, hanno abolito i controlli alle frontiere creando di fatto un territorio dove è possibile circolare liberamente.

All’atto pratico, nel caso in cui si viaggi verso paesi NON Schengen, il viaggiatore dovrà sottostare ad ulteriori controlli sui documenti alle frontiere (nel caso di paesi Europei come Gran Bretagna o Irlanda) o, nel caso di paesi extra-UE, possedere un visto secondo le normative di ciascun paese.

Per informazioni aggiornate sui documenti necessari per entrare in ogni paese vi rimandiamo al sito web della Farnesina Viaggiare Sicuri.

Paesi aderenti al patto di Schengen

Nei paesi seguenti  è possibile circolare liberamente senza controlli alle frontiere:

  1. Austria
  2. Belgio
  3. Città del Vaticano *
  4. Danimarca **
  5. Estonia
  6. Finlandia
  7. Francia
  8. Germania
  9. Grecia
  10. Islanda
  11. Italia
  12. Lettonia
  13. Liechtenstein
  14. Lituania
  15. Lussemburgo
  16. Malta
  17. Monaco *
  18. Norvegia **
  19. Paesi Bassi
  20. Polonia
  21. Portogallo
  22. Rep. Ceca
  23. San Marino *
  24. Slovacchia
  25. Slovenia
  26. Spagna
  27. Svezia
  28. Svizzera
  29. Ungheria

* stato non membro ma con frontiere aperte ** vedere Eccezioni

Eccezioni

In Bulgaria, Cipro, Croazia e Romania, pur essendo stati membri dell’area Shengen, la libera circolazione non è ancora entrata in vigore a causa della mancanza dei necessari adeguamenti tecnici. Restano pertanto al momento attivi tutti i controlli alle frontiere.

I seguenti territori inoltre, seppur facenti parte politicamente di stati sottoscriventi l’accordo, non sono coperti:

Paesi NON Schengen

Gli unici paesi dell’Unione Europea che non hanno aderito al patto di Schengen sono Irlanda e Regno Unito.

Mappa dei Paesi Schengen

Storia e sviluppo

Dopo il primo accordo tra i cinque paesi fondatori, firmato il 14 giugno 1985, è stata elaborata una convenzione, firmata il 19 giugno 1990 ed entrata in vigore nel 1995, che ha permesso di abolire controlli interni tra gli Stati firmatari e di creare una frontiera esterna unica lungo la quale i controlli all’ingresso nello spazio Schengen vengono effettuati secondo procedure identiche. Sono state adottate norme comuni in materia di visti, diritto d’asilo e controllo alle frontiere esterne onde consentire la libera circolazione delle persone all’interno dei paesi firmatari senza turbare l’ordine pubblico.

Per conciliare libertà e sicurezza, inoltre, la libera circolazione è stata affiancata dalle cosiddette “misure compensative” volte a migliorare il coordinamento tra polizia, dogane e amministrazioni giudiziarie nonché a combattere, in particolare, il terrorismo e la criminalità organizzata. A tal fine, si è creato il complesso Sistema d’informazione Schengen (SIS), che consente di scambiare dati sull’identità delle persone e sulla descrizione degli oggetti ricercati.

Lo spazio Schengen si è esteso progressivamente a tutti gli Stati membri. Gli accordi sono stati firmati dall’Italia il 27 novembre 1990, dalla Spagna e dal Portogallo il 25 giugno 1991, dalla Grecia il 6 novembre 1992, dall’Austria il 28 aprile 1995 e da Danimarca, Finlandia e Svezia il 19 dicembre 1996.
Successivamente, il 21 Dicembre 2007 si sono aggiunti Slovenia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Malta; il 12 Dicembre 2008 la Svizzera; il primo Novembre 2009 il Liechtenstein. Sono previsti a breve gli ingressi di Cipro, Bulgaria e Romania.

Misure prese dagli Stati membri dello spazio Schengen

Fra le misure di maggiore rilievo vanno segnalati:

Tutte queste misure costituiscono “l’acquis di Schengen” unitamente alle decisioni e alle dichiarazioni adottate dal comitato esecutivo istituito dalla convenzione di applicazione del 1990, agli atti adottati ai fini dell’attuazione della convenzione dagli organi a cui il comitato esecutivo ha affidato poteri decisionali, all’accordo firmato il 14 giugno 1985, alla convenzione di applicazione dell’accordo, firmata il 19 giugno 1990, nonché ai successivi protocolli e accordi di adesione.

Approfondimento

Ti è stato utile questo articolo?

Il tuo parere per noi è importante, facci sapere che ne pensi usando le stelle

Valutazione media 3.9 su 50 voti
Condividi