Isola di Marettimo

Da esplorare a piedi o in barca, l'Isola di Marettimo è una montagna che erge dal mare dove il tempo si è fermato e la natura ancora trionfa.

Tra le isole delle Egadi Marettimo è quella dei record: la più occidentale, la più lontana da Trapani e quindi la più difficilmente raggiungibile, la più selvaggia e incontaminata, la più montagnosa.

Quest’isola considerata sacra dai greci è riuscita a proteggere il proprio habitat naturale, con una vegetazione caratteristica assai rigogliosa. Stupendo è il mare che la circonda, dalle acque azzurrissime in cui tuffarsi è un sogno.

Poche sono le strutture alberghiere presenti sull’isola, si trovano soprattutto b&b e appartamentini in affitto, mentre non è concesso il transito alle auto: ci si sposta a piedi, tra stradine e sentieri che offrono scorci panoramici di indescrivibile bellezza.

Lontana dal chiasso e dalla banalità di molte famose località balneari, questa perla del Mediterraneo è stata identificata come la mitica Itaca di Ulisse: non possiamo assicurarvi che sia proprio la patria dell’eroe omerico, ma vi garantiamo che è un autentico paradiso.

Le più belle spiagge di Marettimo

Cala Bianca

Cala Bianca è sicuramente la spiaggia più suggestiva dell’Isola di Marettimo: il mare trasparentissimo garantisce una visibilità subacquea eccezionale, mentre in superficie le acque si tingono di infinite sfumature di azzurro; la spiaggia, di sabbia bianca, è circondata da coste altissime che scendono a strapiombo verso il mare.

Scalo Vecchio e Scalo Nuovo

Scalo Vecchio e Scalo Nuovo sono le due spiagge “cittadine”, per così dire: situate in corrispondenza del porto vecchio a nord e del porto nuovo a sud, sono facilmente raggiungibili a piedi dal villaggio.

Non sono certamente le spiagge più affascinanti dell’isola, ma rappresentano una buona opzione se avete poco tempo o vi sentite troppo pigri per spostarvi altrove.

Praia dei Nacchi

Se cercate un mix di bellezza del paesaggio e comodità trascorrete la vostra giornata di mare a Praia dei Nacchi, una spiaggia di ciottoli raggiungibile con una piacevole passeggiata di circa venti-trenta minuti seguendo una strada sterrata che dal villaggio porta verso il cimitero.

Qui potete alternare ore sonnacchiose comodamente sdraiati al sole a bagni in acque trasparenti, con possibilità di fare snorkelling. È consigliabile venire a Praia dei Nacchi di mattina, perché nel pomeriggio la spiaggia è quasi tutta in ombra.

Zotta Muletti

Un’ora e mezza di cammino all’ombra della pineta vi porteranno a Zotta Muletti, un ammasso di scogli sul lato ovest dell’isola dove è possibile stendersi a prendere il sole e da cui si può agilmente entrare in acqua. A partire dalla tarda mattinata sono totalmente esposti al sole… non dimenticate a casa la crema solare!

Spiaggia del Cretazzo

Una delle più belle cale raggiungibili a piedi è Spiaggia del Cretazzo, una caletta di sassi bagnata da acque limipidissime. Anche questa spiaggia si trova sul lato ovest e ci vogliono quasi due ore di cammino per raggiungerla, ma ne vale sicuramente la pena.

Cala Nera

Se siete disposti a fare un po’ di fatica per avere (quasi) tutta per voi una spiaggia incantevole vi suggeriamo Cala Nera: situata sotto il faro di Punta Libeccio, è raggiungibile soltanto a nuoto calandosi dagli scogli.

Grotte

Una caratteristica peculiare della suggestiva e variegata costa di Marettimo è la presenza di numerosissimi grotte emerse e sommerse: si dice che sono più di 400 grotte scavate dalle onde e dai fenomici carsici che frastagliano la costa dell’isola.

Ecco di seguito una lista delle più belle grotte di Marettimo:

  • Grotta del Cammello: la più famosa grotta marina di Marettimo prende il nome da uno scoglio la cui forma ricorda vagamente un cammello. Nell’antro del cammello sono presenti tre piccole spiaggette di ghiaia e sabbia che per anni sono stati rifugio di foche monache che venivano qui a riposare e partorire. Consigliamo di visitare questa grotta verso mezzogiorno, ora in cui il sole penetra attraverso l’apertura circolare della volta, creando stupefacenti giochi di luce.
  • Grotta Perciata: una grotta attraversabile in barca grazie ad un’ampia apertura; in questo caso i giochi di luce si fanno più suggestivi nel pomeriggio.
  • Grotta del Tuono: un’altra suggestiva grotta sull’Isola di Marettimo prende il nome dai suoni che il mare produce al suo interno nei giorni di cattivo tempo, quando il vento soffia forte e le onde si fanno fragorose e potenti.
  • Grotta de Presepe: visitate questa grotta per ammirare conformazioni rocciose davvero particolari, con stalattiti e stalagmiti  che ricordano i personaggi della natività.
  • Grotta della Bombarda: il caratteristico soffio che si viene a creare durante le mareggiate all’interno di una piccola fessura di questa grotta è così forte da venire paragonato a una bomba! La grotta è famosa anche per una particolarissima stalagmite nota come “a mitra ru Papa”, dalla curiosa forma di copricapo del papa.

Escursioni in barca

Non potete lasciare Marettimo senza aver partecipato ad un’escursione in barca: è questo infatti il modo migliore per conoscere l’isola perché consente di ammirarne i segreti nascosti, ovvero le numerose spiagge, grotte e insenature che puntellano la costa e non sono raggiungibili a piedi.

L’escursione di un giorno vi permette di fare il giro dell’intera isola con visita alle grotte e diverse soste bagno, fino a quattro; a richiesta, potete terminare la giornata facendovi lasciare in una spiaggia da cui poi vi sarà possibile tornare al villaggio a piedi.

Se un giorno intero in barca vi sembra troppo potete optare per un’escursione di mezza giornata, mentre per un qualcosa di davvero speciale scegliete la gita in barca al tramonto: al calar del sole vi verrà servito un aperitivo con prodotti tipici del territorio, che potrete gustare ammirando gli straordinari colori del cielo e del mare.

Preferite trascorrere l’intera giornata in spiaggia anziché in barca? Alcune imbarcazioni turistiche effettuano servizio taxi per spiagge e calette non raggiungibili via terra: è possibile concordare alla partenza l’orario del rientro.

Trekking tra natura e cultura

Un altro elemento di grande fascino dell’Isola di Marettimo sono i numerosi sentieri che la attraversano, recuperati grazie a un lodevole lavoro di restauro a cura della forestale.

I percorsi a piedi, molti dei quali situati lungo la costa, permettono di godere a pieno della bellezza di una natura ancora oggi selvaggia e incontaminata: la lontananza dell’isola rispetto ad altri insediamenti umani unita alla natura impervia della montagna hanno fatto sì che qui si sia conservato un preziosissimo patrimonio di flora e fauna, con specie rare pressoché uniche del Mediterraneo.

Camminate senza fretta, respirando a piene narici i profumi tipici della macchia mediterranea: in primis il timo, una pianta molto abbondante su quest’isola, ma anche erice, rosmarino, ruta, lentisco, cisto rosso…

Sentiero di Punta Troia

È sicuramente il percorso a piedi più famoso dell’isola, che in circa un’ora e mezza di cammino lungo la costa vi porterà in cima a un promontorio su cui sorge un castello normanno del XVII secolo,  recentemente ristrutturato.

Il sentiero si snoda ai piedi della montagna, affacciandosi con spettacolari strapiombi per poi scendere verso l’istmo che unisce il promontorio di Punta Troia al resto dell’isola. Ai piedi del castello si trova una piccola caletta, dove ci si concedere un bagno rinfrescante prima di riprendere il cammino del ritorno.

Monte Falcone

Un altro suggestivo trekking che potete fare a Marettimo vi porta sulla cima del Monte Falcone, il picco più alto dell’isola.

Lungo il percorso, che parte dallo Scalo Vecchio, potrete visitare il sito archeologico delle Case Romane, che comprende un edificio costruito a scopo difensivo e una chiesa bizantina, probabilmente costruita nel XI secolo su una precedente chiesa di culto cristiano. Da qui potrete godere di una vista mozzafiato su Marettimo e le altre isole dell’arcipelago egadino.

Consigli per le escursioni a piedi

I sentieri sull’Isola di Marettimo non presentano particolari difficoltà, ma è bene affrontarli con cautela:

  • Sono sconsigliati gli infradito, meglio un paio di scarpe da ginnastica. In alcuni casi potrebbero essere necessari scarponcini da trekking.
  • Prestare attenzione lungo i tratti ripidi e sdrucciolevoli.
  • Nei mesi estivi è sconsigliabile effettuare escursioni a piedi nelle ore più calde. Meglio partire la mattina presto.
  • Portate sempre con voi acqua in abbondanza e crema solare.

Come raggiungere Marettimo da Palermo

Non è possibile raggiungere l’Isola di Marettimo direttamente da Palermo: occorre prima arrivare a Trapani, in auto o autobus, e da lì prendere un traghetto o un aliscafo. A seconda del mezzo scelto la durata della traversata in mare può variare da una a tre ore.

Marettimo è raggiungibile via mare anche dalle isole di Favignana e Levanzo.

Mappa