Castellammare del Golfo

Facilmente raggiungibile da Palermo, Castellammare del Golfo è una delle località più amate dai turisti nella Sicilia occidentale. Scoprite perché.

Stretto tra due famose località turistiche della Sicilia, Capo Rama a est e San Vito lo Capo a ovest, Castellammare del Golfo è un gioiello imperdibile.

Incastonato in un golfo dalle acque turchesi, il borgo sorge ai piedi di un’aspra montagna dalla ricca vegetazione; il paesaggio è dominato da un promontorio su cui gli arabi costruirono il castello a picco sul mare che dà il nome al paesino. Due spiagge sabbiose, ciascuna su un lato del promontorio, completano questo paesaggio incantevole.

La vista d’insieme è davvero suggestiva, ma molti tesori nascosti vi attendono visitando il borgo storico e le località nei dintorni. Costruitevi un vostro itinerario a tema: magari un percorso cittadino alla scoperta della storia secolare di Castellammare o un itinerario naturalistico dalla montagna alla costa.

Potrete riposarvi dalle escursioni naturalistiche o culturali con un tuffo in trasparentissime acque azzurre o gustando l’ottima cucina siciliana con un buon piatto di pesce o un saporito couscous in un delizioso ristorantino tipico.

Con tutte queste attrazioni, non stupisce davvero che un piccolo paese di 15000 abitanti un tempo dediti alla pesca oggi possa vivere essenzialmente di turismo.

Cosa vedere a Castellammare del Golfo

Una visita a Castellammare del Golfo non può non iniziare dal Castello arabo normanno che dà il nome alla cittadina. Il contrasto tra l’azzurro intenso del mare e questo edificio imponente nella sua semplicità è davvero suggestivo: la mole del castello domina tutto il paesaggio.

Eretta dagli arabi nel X secolo su rovine di edifici preesistenti, questa costruzione difensiva che si erge a picco sul mare fu successivamente ampliata da svevi e normanni. Oggi le sale del castello ospitano il complesso museale “La Memoria del Mediterraneo“, che comprende quattro esposizioni permanenti:

  • Museo dell’acqua e dei mulini
  • Museo delle attività produttive
  • Museo archeologico
  • Museo delle attività marinare

Un altro importante edificio oggi a uso civile è Palazzo Crociferi, costruito nel Seicento come convento dei Padri Crociferi per volontà della principessa Francesca Balsamo di Roccafiorita. Oggi è sede del municipio e nel suo chiostro vengono organizzati eventi e rassegne di cinema all’aperto.

Camminando lungo via Garibaldi potrete notare alcune fosse granaie di origine normanna, rinvenute nel 2013 durante lavori di scavo per le tubature del gas. Usate per conservare il grano, le fosse di Castellammare del Golfo risalgono probabilmente al XIV secolo; hanno un diametro alla base di dieci metri e una profondità di nove metri.

Bagli

Le costruzioni che maggiormente caratterizzano il territorio di Castellammare del Golfo e dintorni sono i bagli, nuclei abitativi fortificati di epoca araba all’interno dei quali vivevano i proprietari terrieri e i loro contadini.

Ancora oggi queste costruzioni si possono ammirare nelle zone di tradizione agricola, anche se purtroppo molti di questi sono in stato di abbandono o sono stati convertiti in agriturismo.

Tra i più interessanti nei dintorni di Castellammare del Golfo segnaliamo il Baglio Strafalcello, il Baglio Fontana e il Baglio Lisciandrini.

Chiese

Il fervore religioso degli abitanti di Castellammare del Golfo, tipico di un po’ tutta la Sicilia, ci ha lasciato in eredità splendidi esempi di architettura. Vi segnaliamo tre chiese di Castellammare, ciascuna con una sua peculiarità:

  • Chiesa Madre: nel centro della vecchia Castellammare si trova la chiesa dedicata alla Vergine SS. del Soccorso, costruita nel Settecento su progetto di Giuseppe Mariani. La facciata è semplice e slanciata; l’interno è caratterizzato da linee armoniche.
  • Chiesa della Madonna della Scala: questo piccolo luogo di culto sulla parete prospiciente il porto deve il suo nome alla conformazione del terreno che degrada dolcemente verso il mare. L’evento miracoloso in seguito al quale fu costruita questa piccola chiesa viene ricordato l’8 settembre di ogni anno con una festa sacra e una processione.
  • Chiesa della Madonna del Rosario: una chiesa piccola e semplice non distante dal castello. La sua semplicità è “strategica”: aveva infatti lo scopo di preservare l’edifico sacro dalle razzie dei pirati.

Spiagge

Il principale motivo di interesse che attira i turisti a Castellammare del Golfo sono naturalmente le sue splendide spiagge: in questo tratto della provincia trapanese la costa alterna spiagge di sabbia finissima a tratti rocciosi e frastagliati, con numerose cale, spiaggette e insenature.

La Playa

A est e a ovest del promontorio del castello si trovano due spiagge sabbiose, Cala Petrolo e Cala Marina.

La più famosa spiaggia “cittadina” di Castellammare del Golfo è però La Playa, un lungo arenile sabbioso raggiungibile con una piacevole passeggiata di 1.5km dal centro. Se vi sentite pigri, potete prendere un autobus o, nei mesi estivi, il trenino turistico che effettua un giro panoramico.

La Playa di Castellammare del Golfo è una spiaggia attrezzata, con stabilimenti balneari e zone di spiaggia libera. Le sue acque trasparenti sono calme, perfette per un bagno in relax.

Per i numerosi servizi disponibili e la sicurezza di un mare tranquillo, senza dislivelli o correnti, La Playa è una spiaggia consigliata a famiglie con bambini.

Scopello

Tra le spiagge di Castellammare la più famosa (e probabilmente la più suggestiva) è la Spiaggia dei faraglioni a Scopello, immersa in una zona di eccezionale bellezza paesaggistica nei pressi della Riserva naturale dello Zingaro.

Amatissimo dai sub per i fondali ricchi di flora e fauna, il mare di Scopello, calmo e sempre pulito, è adatto anche a chi vuole fare snorkelling e a chi vuole semplicemente stare steso in spiaggia godendosi una vista meravigliosa sui due faraglioni che emergono imponenti dalle acque azzurrissime.

Parte della spiaggia è occupata da un’antica tonnara del XIII secolo, dove venne praticata la mattanza fino agli anni Ottanta.

Le trasparenti acque blu, i due iconici faraglioni, la ricchezza storica e culturale del borgo e la natura rigogliosa fanno di Scopello una delle destinazioni siciliane più amate da turisti italiani e stranieri. Si può raggiungere da Castellammare del golfo in cinque minuti di macchina oppure con i mezzi pubblici.

Altre spiagge da non perdere nelle vicinanze di Scopello sono Cala Mazzo, Cala Bianca, Cala Rossa e Punta Pispisa.

Guidaloca

A sud di Scopello si trova Guidaloca, una spiaggia di ciottoli dalla forma di arco custodita da una torre del Cinquecento. È una spiaggia libera, ma sono disponibili servizi essenziali quali noleggio sdraio e ombrelloni e ristorazione.

Le acque turchesi della baia di Guidaloca, calme e trasparenti, sono un’irresistibile tentazione: anche qui potete nuotare in relax e fare snorkelling. L’alto litorale roccioso è puntellato da numerose grotte, misteriose e affascinanti.

Natura

Il territorio di Castellammare è particolarmente interessante dal punto di vista naturalistico, caratterizzato da una costa bassa e aperta ad est ed alta e frastagliata ad ovest su cui svettano una serie di rilievi montuosi.

Uno dei picchi più alti del complesso dei Monti di Castellammare del Golfo è Monte Inici, dove si possono  osservare le niviere, caratteristiche cavità artificiali un tempo usate per la conservazione del ghiaccio, e numerose grotte scavate dall’azione combinata delle acque sulfuree e di quelle piovane.

La zona è un vero paradiso per gli amanti di natura ed escursionismo, grazie all’integrità ancora pressoché totale dell’ambiente naturale, ma altrettanto interessante è l’entroterra, con le sue campagne e le zone coltivate a vitigni.

Come raggiungere Castellammare del Golfo da Palermo

Castellammare del Golfo si trova circa a metà strada tra l’aeroporto di Palermo Punta Raisi e l’aeroporto di Trapani Vincenzo Florio. Da entrambi gli aeroporti potete raggiungere la cittadina percorrendo in auto l’autostrada A29.

Se volete raggiungere Castellammare del Golfo da Palermo con i mezzi pubblici potete prendere un bus diretto che impiega circa un’ora e mezza.

Si può arrrivare anche in treno: la stazione si trova a 3km dal centro cittadino al quale è collegata da un bus navetta.

Mappa