La Fortezza di Pietro e Paolo

Guida di viaggio su La Fortezza di Pietro e Paolo: i luoghi di interesse, le attività da non perdere, i consigli sulle migliori zone dove dormire, i locali e le zone dove uscire la sera.

La Fortezza di Pietro e Paolo si trova proprio di fronte all’isola di Petrogradskaja, su un lembo di terra chiamato isola delle Lepri. Dirimpetto all’Ermitage, la fortezza è il punto di partenza ideale per andare alla scoperta della città.

La fortezza è il luogo di nascita della città dato che fu la prima struttura, di fango e legno, ad essere costruita a San Pietroburgo nel maggio del 1703. Fu Pietro il Grande a scegliere questo luogo perché qui il delta del fiume Neva è particolarmente ampio e dunque sicuro dagli attacchi dei nemici. La fortificazione in mattoni sostituì la prima edificazione a partire dal 1706 e vide impegnati oltre 40 mila uomini.

I bastioni, cavi all’interno, sono spessi circa 20 metri sono il retaggio della vecchia concezione della struttura mai utilizzata per lo scopo difensivo previsto. Oggi la maggior parte della fortezza Pietro e Paolo è destinata al Museo di San Pietroburgo di Storia che una serie di mostre permanenti e temporanee. L’attrazione turistica principale è senza dubbio la Cattedrale che fu anche il primo edificio a comparire all’interno delle mura, fu consacrata il primo aprile del 1704, e oggi è uno degli edifici più suggestivi di San Pietroburgo.

La struttura di base della fortezza è composta da sei bastioni e ognuno porta il nome di uno dei più stretti collaboratori di Pietro. La fortezza comprende diversi edifici realizzati in un’ampia gamma di stili architettonici e per una grande varietà di scopi diversi, che vanno dalle truci prigioni del Bastione Trubeckoy al Gran Mausoleo Ducale, costruito per accogliere le spoglie della famiglia Romanov.

Altre strutture superstiti del 18 ° secolo sono casa del comandante (1743-1746), la casa del comandante della guarnigione della Fortezza, la Casa di Ingegneria (1748-1749), che ospitava l’arsenale, le officine e le abitazioni degli ingegneri militari, il Corpo di Guardia principale (1748-1749), e la Boathouse, un piccolo padiglione costruito a cavallo tra 1762 e 1765 per ospitare la deriva che Pietro il Grande usò in gioventù per gli esperimenti navali oggi considerati l’input per la nascita della flotta russa.

I visitatori possono acquistare un unico biglietto valido per tutte le mostre e utilizzabile in un periodo di due giorni, o biglietti separati per le singole mostre. Le biglietterie si trovano nella Boathouse e Ioannovskiy Ravelin.

La cattedrale di San Pietro e Paolo

La cattedrale dei Santi Pietro e Paolo è la chiesa più antica di San Pietroburgo ed è legata a doppio filo sia alla storia della città sia a quella dei Romanov visto che qui sono custodite le spoglie dei governanti russi da Pietro il Grande in poi.

Edificata originariamente in legno appena un mese dopo la fondazione di San Pietroburgo, nel 1712 fu ricostruita in pietra secondo i dettami dell’architetto Domenico Trezzini, l’architetto italo svizzero al quale si deve l’invenzione dell’ stile architettonico barocco petrino. La sua costruzione si protrasse per oltre 20 anni e fu consacrata nel 1733.

La Cattedrale di Pietro e Paolo ha segnato una svolta radicale rispetto chiese tradizionali ortodosse: la sua forma rettangolare, il campanile, e la guglia sono tutte caratteristiche prese in prestito dalle chiese protestanti dell’Europa occidentale ed evidenti segni dell’influenza dell’architettura olandese. La guglia è stata ricoperta nuovamente d’oro nel 2002 domina incontrastata la città con i suoi 123 metri d’altezza. Proprio per la sua altezza è stata spesso vittima di fulmini, e in particolare fu avvolta da un incendio particolarmente grave la notte tra il 29 e il 30 aprile 1756. Nel 1766, Caterina la Grande ordinò che il campanile fosse ricostruito esattamente nelle sue sembianze originarie e 10 anni dopo, nel 1776, fu inaugurata la nuova torre.

L‘interno della cattedrale ha una iconostasi fantastica e fu completata da un gruppo di più di quaranta architetti. Le pareti della cattedrale sono impreziosite da dipinti di vari temi biblici, tra cui spiccano le storie evangeliche eseguite da artisti del 18° secolo.

La maggior parte dei governanti Romanov di Russia sono sepolti all’interno della cattedrale dei Santi Pietro e Paolo in stravaganti sepolcri. La tomba di Pietro i Grande, ancora venerata da migliaia di persone, si trova nella parte anteriore destra.

Bastione Trubeckoj

Alla sommità sud ovest della fortezza, affiancato al fiume Neva, si trova il bastione Trubeckoj destinato a prigione dei dissidenti politici in attesa di giudizio.

La struttura a forma  pentagonale è stata eretta a cavallo tra il 1708 e il 1709 in pietra. Questo simbolo di oppressione politica fu utilizzato innanzitutto per rinchiudere e torturare Alessio, il figlio caduto in disgrazia di Pietro il Grande, e poi per ospitare le camere di tortura della Cancelleria Segreta.

Tra il 1870 e il 1872 un apposito edificio, il rivellino di Alekseevic,  è stato costruito all’interno delle fortificazioni per ospitare un carcere. Qui sono stati detenuti molti protagonisti dei movimenti rivoluzionari socialisti e anarchici a cavallo della fine del 19esimo e 20esimo secolo.

I locali oggi ospitano un museo dedicato alla storia del carcere e dei suoi detenuti.

Casa del Comandante

Eretta davanti al cattedrale dei Santi Pietro e Paolo, la Casa del Comandante ospita la mostra centrale del Museo di Storia di San Pietroburgo e racconta in modo vivido la storia della città di San Pietroburgo fino al 1918.

Al pian terreno si trova l’esposizione sugli scavi archeologici e sugli oggetti medioevali, al primo piano troverete esposte incisioni della città, cimeli imperiali, uniformi oltre a quadri e oggetti marinareschi, infine si giunge all’esposizione relativa al XX secolo.

Il grande edificio barocco fu progettato dall’ingegnere militare de Marin e costruito tra il 1743 e il 1746. La facciata principale  è rimasta quasi del tutto inalterata da allora, mentre le ali sono state aggiunte in un secondo momento.

Nell’ottobre del 1917, l’edificio divenne per breve tempo la sede del Comitato Rivoluzionario di Pietroburgo.

Casa dell’Ingegnere

Simile alla Casa del Comandante, la Casa dell’Ingegnere fu costruita tra il 1748 e il 1749 ed è dunque uno degli edifici più antichi all’interno della Fortezza di Pietro e Paolo. In origine ospitava i laboratori, i magazzini, le abitazioni e l’archivio degli ingegneri che hanno costruito e riparato le fortificazioni della fortezza mentre adesso è parte dello spazio espositivo del Museo di Storia di San Pietroburgo. Qui non vi sono ricostruzioni storiche ma vi sono custoditi numerosi quadri e porcellane.

Una visita sicuramente gradevole ma non imperdibile.

Porta sulla Neva

Conosciuta anche come porta della Morte poiché qui attraccavano le navi che prelevavano i prigionieri da deportare o giustiziare, la Porta sulla Neva si trova tra i bastioni Menshikov e Gosudarev, la principale parete esterna della fortezza.

La Porta sulla Neva fu costruita da Domenico Trezzini tra il 1717 e il 1719. Originariamente era costituita da 20 casematte a due piani che ospitavano la caserma per le compagnie di artiglieria e di ingegneria della guarnigione della fortezza, oltre ad appartamenti e magazzini ufficiali.

Il cancello è l’ingresso cerimoniale e ufficiale alla Fortezza e risale al 1708 quando fu costruito per commemorare la vittoria russa sulla Svezia nella Grande Guerra del Nord. Le decorazioni includono un bassorilievo, statue raffiguranti il coraggio e la saggezza che fiancheggiano l’arco, e sopra questo un’immensa cresta Imperiale dal peso di oltre una tonnellata, tutto risalenti ai primi del 18° secolo. Sotto la volta alcune targhe ricordano le numerosi e gravi inondazioni che accompagnano la storia della città tra cui la più grave risale al 1824.

Varcata la Porta si trova il piccolo pontile da dove si può partire per piacevoli escursioni in battello.

Mappa