Praga

Capitale della Repubblica ceca, Praga è un magico scrigno nel cuore dell’Europa che da anni affascina migliaia di visitatori con la sua atmosfera misteriosa e a tratti lugubre.

Divisa in cinque quartieri storici, Praga è nota soprattutto per il suo centro storico, un concentrato di monumenti ed edifici storici che lasciano il visitatore a bocca aperta e che oggi fa parte del Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Conosciuto come “la vecchia Praga”, il centro della capitale ceca è uscito quasi indenne dalla seconda guerra mondiale e conserva ancora oggi, anche dal punto di vista urbanistico, l’impianto originario medievale.

Visitare Praga è semplice. La Repubblica Ceca fa parte dell’Unione europea, dunque per entrare nel Paese è sufficiente la carta d’identità valida per l’espatrio.
La valuta ufficiale è la corona ceca, che si può cambiare in aeroporto o in città, oppure è possibile prelevare contante tramite i bancomat o pagare con carta di credito in numerosi locali.

Cosa vedere a Praga

Le cose da vedere a Praga sono moltissime, perché ogni angolo cela un palazzo, un monumento o un edificio sacro che merita una visita. Le strade stesse dei quartieri valgono almeno una passeggiata per lasciarsi affascinare da questa città. Dopo un giro nei vicoli del centro storico sarà facile immaginare come gran parte delle leggende più misteriose siano ambientate in questa città.

Castello

Il Castello di Praga (Hradčany) non è un semplice edificio, ma una struttura complessa che comprende diversi edifici e monumenti. Una visita completa di questa zona, che si trova su uno dei nove colli di Praga, è fondamentale per comprendere la città.

L’itinerario più completo dovrebbe includere la visita del Vecchio Palazzo Reale (il luogo della celebre “defenestrazione” del 1618), dell’esposizione permanente “La storia del Castello di Praga”, della Basilica di San Giorgio (la più antica del Castello), una passeggiata lungo il Vicolo d’oro (la strada abitata dai servi del castello prima e dagli artigiani orafi medievali poi) e la visita alla Torre Daliborka, a Palazzo Rosenberg e alla Cattedrale di San Vito. Calcolate almeno mezza di giornata di tempo.

Piazza della Città Vecchia

Ogni visita di Praga che si rispetti non può che partire da qui. La Piazza della Città Vecchia (Staroměstské náměstí) è una delle più belle d’Europa ed è il luogo perfetto per immergersi nell’atmosfera di Praga.

Sulla piazza si trovano il monumento a Jan Hus, riformatore religioso dichiarato eretico e bruciato sul rogo nel 1415 e il famoso Orologio astronomico sulla facciata del Municipio. Unitevi alla folla che allo scoccare di ogni ora alza gli occhi verso questo ingegnoso meccanismo provando a distinguere tutti i movimenti dei personaggi che compongono l’orologio.

Dalla piazza riconoscerete subito la Chiesa di Maria Vergine di Tyn, con le sue torri gemelle irte di 18 guglie. La chiesa è visibile da qualunque punto della città, nonostante sia circondata dai palazzi. Su questa piazza si affaccia anche la Chiesa di San Nicola, uno degli edifici in stile barocco più importanti della città.

Ponte Carlo

Il simbolo della città, che unisce la Città Vecchia alla Piccola Città sulle due sponde del fiume Moldava, è il Ponte Carlo (Karluv Most), su cui vi troverete a camminare più volte durante la vostra visita alla città. Animato a tutte le ore da artisti di strada, il ponte regala scorci splendidi, in particolare all’imbrunire.

Imperniato su 16 arcate e realizzato nel 1357, il Ponte Carlo è un punto perfetto per ammirare uno degli skyline più suggestivi della città con il Castello, il Teatro Nazionale e il fiume Moldava. Su entrambi i lati il ponte è delimitato da due torri. La porta di accesso al ponte dalla Città Vecchia fu terminata prima del 1380 ed è considerata la più bella porta gotica d’Europa.
Sul parapetto del ponte si trovano 30 statue e gruppi di statue, realizzate all’inizio del Settecento.

Cattedrale di San Vito

Situata all’interno del complesso del Castello, la Cattedrale di San Vito è uno degli edifici religiosi più famosi di Praga. Fondata nel 1344, la sua costruzione andò avanti quasi 600 anni per concludersi soltanto nel 1929.

Oltre che per essere uno dei capolavori architettonici del periodo gotico, la Cattedrale di San Vito è nota per essere uno dei più importanti simboli religiosi e spirituali dell’intera Repubblica Ceca, perché contiene una reliquia della cristianità, ovvero la testa dell’evangelista Luca.

Al suo interno si trovano anche la Cappella di San Venceslao con la tomba del santo, una cripta con le tombe dei sovrani di Boemia e i Gioielli della Corona.

Cimitero Ebraico

Costruito all’inizio del XV secolo, il Cimitero Ebraico di Praga è uno dei più antichi del mondo e dal 1995 è monumento culturale nazionale. Rimase in funzione per circa 350 anni ed è senza dubbio uno dei luoghi più significativi dell’antico ghetto ebraico, denominato Josefov, dove la popolazione ebraica ha vissuto dal 900 al 1708.

Luogo di particolare significato, il Cimitero Ebraico conserva dodicimila lapidi di diverso tipo, alcune semplici lastre di pietra, altre molto più elaborate, molte ammassate l’una sull’altra. A causa dell’area ristretta in cui si trova, in alcuni punti sono stati sovrapposti anche 10 strati di tombe.

All’ingresso del cimitero ai visitatori vengono distribuiti i kippah, i copricapi che gli uomini hanno l’obbligo di indossare.

Casa danzante

L’architettura di Praga è uno degli elementi che caratterizzano questa splendida capitale. In mezzo a tanti edifici gotici e barocchi, spicca una costruzione moderna che non può passare inosservata. La Casa Danzante (Tančící dûm) si trova lungo il fiume Moldava e fu realizzata da due fantasiosi architetti– il croato Vlado Milunić e il canadese Frank Gehry – in uno stile a metà tra il surrealista e il decostruttivista.

Visto che l’edificio ricorda vagamente una coppia di ballerini, la casa venne soprannominata Fred and Ginger (da Fred Astaire e Ginger Rogers). Oggi la Casa Danzante ospita un hotel, un ristorante e una galleria d’arte.

Piazza San Venceslao

Piazza San Venceslao (Václavské náměstí) ha la forma di un enorme viale, lungo 700 metri e largo 60, sempre pieno di gente e su cui si affacciano banche e palazzoni. È il simbolo di Nové Město, oltre che del nuovo corso della città.

Fu qui infatti che nel 1989, dopo la caduta del muro di Berlino, duecentocinquantamila manifestanti si radunarono per chiedere le dimissioni dei vertici del regime comunista. Ma questo fu anche il luogo delle proteste antisovietiche del 1968, quando lo studente universitario Jan Palach si diede fuoco per ribellione.

Isola di Kampa

Quest’isolotto si trova nel fiume Moldava e si raggiunge scendendo dal Ponte Carlo o camminando lungo il fiume dal lato del Castello, visto che l’isola di Kampa è separata dal quartiere Mala Strana da un canale artificiale.

L’isola ospita un bellissimo parco verde perfetto per una passeggiata e la sede dell’originale Museo di Arte Contemporanea Kampa, aperto nel 2003. Il museo ospita un’interessante selezione di artisti cechi e numerose mostre temporanee. Molte originali sculture sistemate in posizione scenografica all’esterno del museo e sulla riva del fiume faranno la gioia dei fotografi.

Curiosità: l’inizio del film “Mission Impossible” è stato girato proprio su quest’isola.

Vyšehrad

A sud del centro di Praga, nel quartiere di Nove Mesto, si trova uno dei primi castelli della Repubblica Ceca: la fortezza nella roccia di Vyšehrad è una vasta area ubicata su una collina sopra il fiume Moldava. La leggenda vuole che la città di Praga abbia avuto origine proprio da questo luogo.

Dopo essere entrati dalla Porta di Tabor (Táborská brána), si può percorrere quasi tutta la cinta muraria a piedi per ammirare lo splendido panorama. Lungo il percorso si possono notare le fondamenta dell’antico palazzo reale. L’edificio religioso più importante del complesso è la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo (Kostel sv Petra e Pavla), realizzata nell’XI secolo ma ristrutturata fino ad assumere l’attuale aspetto neogotico nel 1880.
Sotto i bastioni, si può accedere al labirinto di gallerie sotterranee delle Casematte e delle cantine gotiche.

Torre Panoramica di Petřín

Costruita in occasione dell’Esposizione Giubilare del 1891 come copia in scala 1:5 della Torre Eiffel, la Torre Panoramica di Petřín (Petřínská rozhledna) è il luogo perfetto da cui ammirare Praga dall’alto. Non solo. Nei giorni di bel tempo, dal ballatoio si riesce a vedere gran parte della Boemia.

Alta 63,5 metri, ci si arriva salendo 299 gradini. Al primo piano, ad un’altezza di 20 metri, c’è un ballatoio con terrazza panoramica coperta. La torre è costituita da una struttura ottagonale in acciaio, per la costruzione della quale sono state utilizzate ben 175 tonnellate di ferro.

Per raggiungere la torre, che si trova sulla collina di Petřín, alta 327 metri, si può usare la funicolare, che ha una lunghezza di 510 metri e che parte dai piedi della collina, in prossimità dalla stazione Újezd LD.

Cosa fare a Praga

Tour in bus nella Città Vecchia

Se avete poco tempo a disposizione o semplicemente se avete voglia di farvi un’idea generale del centro storico, prima di immergervi a piedi nei suoi vicoli, potete salire su un bus di uno dei tanti tour che vi porterà in giro tra le principali attrazioni della Città Vecchia, dalla Chiesa di San Nicola, al Castello, al Ponte Carlo, fino alla Casa Danzante.

Crociera sul fiume Moldava

Le città viste dall’acqua hanno sempre un fascino particolare e permettono di ammirare scorci che altrimenti risulterebbero irraggiungibili. Anche Praga non fa eccezione e quindi se avete un po’ di tempo non perdetevi un giro in battello sulla Moldava. Le gite solitamente partono dal Ponte Carlo.
Il giro di solito dura 50 minuti e a bordo viene offerto caffè e torta. Ci sono anche giri in battello di sera, con cena e concerto jazz inclusi, che durano circa due ore e mezza.

Sulle orme di Kafka

Il più famoso scrittore praghese è Franz Kafka, le cui opere ben rispecchiano l’atmosfera cupa e misteriosa che si respira nella capitale della Repubblica Ceca.

Scoprite tutto sulla sua vita e sulle sue opere visitando l’interessante museo, intitolato “Città di K” che di trova sulle rive della Moldava, nel quartiere di Mala Strana, ospitato nel mattonificio di Herget. L’esposizione, grazie ad un allestimento molto suggestivo, ospita le prime edizioni delle opere dello scrittore, diari, manoscritti originali, audiovisivi secondo due percorsi denominati “Spazio Esistenziale” e “Topografia Immaginaria” che introducono alla logica kafkiana.

Al numero 22 del Vicolo d’oro, nell’area del Castello, si trova invece la casa in cui Kafka abitò dal 1916 al 1917. La tomba dello scrittore si trova infine nel Nuovo Cimitero Ebraico: per trovare la lapide serve trovare il corridoio 21 e quindi girare a sinistra verso la fine del blocco.

Prague Pub crawl

Il tour alcolico guidato dei bar di Praga, conosciuto come Prague Pub crawl è un modo diverso per conoscere una delle tante anime della città. Non è un semplice giro nelle birrerie praghesi, ma un vero e proprio tour completo alla scoperta dei migliori pub della città, con un’immersione totale nella vita notturna praghese. L’itinerario di gruppo con compagni di viaggio provenienti da tutte le parti del mondo, guidati da esperti locali, prevede soste da un bar all’altro nel cuore della capitale europea delle feste, assaggiando le migliori birre a disposizione. Il giro termina nella famosa discoteca Karlovy Lázně.

Praga dall’alto

Praga è una città che merita essere vista dall’alto. Per fortuna in città i punti panoramici non mancano.
Uno dei più suggestivi è quello dalla Torre del Municipio della Città Vecchia, da cui poter osservare scorci molto suggestivi sui tetti del centro storico.

Un altro punto panoramico interessante è quello che potrete ammirare, dopo aver percorso una lunga scala a chiocciola, dalla terrazza panoramica a 44 metri di altezza della Torre delle Polveri, l’antico ingresso della Città Vecchia.

Ma ci sono anche terrazze panoramiche moderne. Oltre alla Torre Panoramica di Petřín, nell’ex quartiere operaio di Praga c’è la Torre della Televisione, dalle cui vetrate dell’ultimo piano si gode una vista eccezionale a 360 gradi, super consigliata al tramonto.

Tour della birra

La birra a Praga ha un posto speciale e ci sono davvero molti modi per assaggiare una buona birra, che qui costa meno dell’acqua. Oltre ai tour guidati, è possibile visitare in autonomia alcuni luoghi tipici perfetti per assaggiare alcune ottime birre tipiche. Attualmente a Praga esistono oltre 30 birrifici, alcuni nati secoli fa e altri più recenti.

I più famosi birrifici tradizionali sono U Fleku, uno dei più antichi in assoluto per la birra scura, U Medvídku per la birra più forte e U Tří ruží per le birre speciali. Ricchi di storia e tradizione sono anche i birrifici monastici, come Břevnov e il birrificio monastico di Strahov.

A Praga ci sono anche una quantità infinita di beer bar o di birrerie. U Zlateho Tygra è forse il locale più famoso: qui appena seduti si viene serviti con un boccale da mezzo litro, senza nemmeno doverlo ordinare. L’ambiente informale regna da U cerneho vola dove si può gustare la birra Kozel, al Pivovarsky klub viene proposta una degustazione di otto birre, mentre al Restaurant Kolkovna nel quartiere ebraico si va soprattutto per assaggiare la Pilsner.

A pochi passi da piazza Karlovo náměstí, si trova il Craft House Prague, una birreria con 27 birre alla spina e più di 100 tipi di birre in bottiglia.

Praga Card

La Praga Card offre la possibilità di entrare gratuitamente o a prezzo scontati in oltre 50 musei e monumenti, comprese le attrazioni più famose come il Castello di Praga, il Museo Ebraico, il Municipio della Città Vecchia, la Torre panoramica di Petřín e la Galleria Nazionale.

La carta permette anche di usare i mezzi di trasporto, come metro, bus e tram. L’offerta comprende anche mezzi di trasporto speciale come l’Airport Express dall’aeroporto al centro storico e il giro in battello sulla Moldava.

La Praga Card ha validità di 2, 3 o 4 giorni, è personale ed è acquistabile negli uffici informazioni di piazza della Città Vecchia e di piazza S. Venceslao oppure in aeroporto.

Dove dormire a Praga

A Praga gli hotel abbondano, ma se volete alloggiare in centro storico dovete essere pronti a spendere un po’ di più. Più ci si avvicina ai luoghi di interesse turistico, infatti, più i prezzi salgono. È comunque possibile trovare qualche soluzione low cost, soprattutto in alcuni quartieri più decentrati o scegliendo ostelli e appartamenti di privati.

Se volete avere la possibilità di spostarvi a piedi in città, i quartieri principali su cui puntare sono Nové Město, Staré Město, Malá Strana e Josefov. In particolare:

Nové Město

E’ consigliato per chi ama la vita notturna e lo shopping e non è spaventato dalla confusione, mentre non è adatto alle famiglie con bambini. Gli hotel sono numerosi e, ovviamente, più vi allontanate dal centro, più i prezzi scendono;

Staré Město

E’ adatto a chi vuole essere vicinissimo ai principali monumenti della città. Siete in pieno centro storico, quindi potrete visitare tutte le attrazioni principali a piedi. Mettete in conto un po’ di confusione la sera, a causa dei locali. Ovviamente i prezzi sono in linea con la centralità degli alloggi;

Malá Strana

E’ la “Città Piccola” ovvero il quartiere a ridosso del Castello. Questo è il posto perfetto per chi ama l’atmosfera romantica, con le viuzze buie e la bella atmosfera dell’Isola di Kampa. Qui i prezzi degli alloggi sono abbastanza alti, ma si può risparmiare qualcosa rispetto alla Città Vecchia;

Josefov

E’ il quartiere ebraico, senza dubbio una delle zone più suggestive della città. Anche in questo caso, molte attrazioni saranno raggiungibili a piedi. Se amate gli alloggi pieni di atmosfera, questa è la zona adatta a voi;

Hradčany

E’ la zona del Castello, adatta a chi decide di regalarsi un hotel di lusso in una splendida posizione;

Vinohrady

La prima periferia di Praga. È ben collegata al centro storico dai mezzi pubblici e i prezzi degli alloggi sono sicuramente più competitivi rispetto a quelli del centro. Ideale per chi punta innanzitutto al risparmio.

Vita notturna

Chi visita Praga di solito lo fa per almeno uno di questi due motivi: l’atmosfera magica e i monumenti di straordinaria bellezza e la sua vita notturna. In passato la capitale ceca si è costruita una fama di divertimento di basso livello, ma qui non troverete soltanto strip club o locali che vendono birra a poco prezzo. Praga è ricca di cocktail bar e locali di tendenza e music club alternativi. I locali si riempiono verso mezzanotte e ce ne sono alcuni che addirittura rimangono aperti 24 ore su 24.

Karlovy Lázně, discoteca su 5 piani vicino al Ponte Carlo, è forse il locale più famoso non solo della città ma dell’intera Europa Centrale. Il Duplex è uno dei locali più suggestivi di Praga, visto che è formato da un grande quadrato di vetro, costruito in cima ad un palazzo. Dalla terrazza di questo locale si gode di una spettacolare veduta sulla Città Vecchia: sarà per questo che Mick Jagger ha celebrato qui il suo 60° compleanno?

Altri due locali ben frequentati sono il Klub Lávka, nelle vicinanze del Ponte Carlo e il Mecca, realizzato all’interno di una fabbrica dismessa. Numerosi anche i locali per gay. Le zone con il maggior numero di locali sono quelle intorno a piazza Venceslao, oltre all’ex quartiere operaio di Zizkov.

Se amate altri generi di divertimenti, avrete comunque di che sbizzarrirvi. A Praga ci sono numerosi teatri, concerti, opere e balletti. Molti diffusi sono anche i locali che propongono musica jazz, spesso suonata dal vivo. Sono molto tipici della Repubblica ceca anche gli spettacoli di marionette e burattini.

Mangiare a Praga

La carna fa da padrona nella cucina ceca quindi preparatevi ad affrontare piatti unici, con porzioni di solito abbondanti e cibi farciti con grande quantità di spezie e aromi. Il piatto più noto rimane il gulash, mentre gli gnocchi di pane (knedliky) sono serviti al posto del pane.

Il tipico piatto ceco è l’arrosto di maiale con canederli e crauti (vepřo-knedlo-zelo). Altri piatti della cucina ceca sono l’arrosto di lombo di manzo (svíčková na smetanĕ), l’anatra arrosto (pecena kachna) e la zampa di maiale (koleno). Un pasto ceco inizia spesso con una zuppa (polévka).

Molto amati sono anche i piatti a base di formaggio, come bastoncini di formaggio dolce fritto (smazeny syr).

A Praga ovviamente è d’obbligo assaggiare il famoso prosciutto.

Lo street food perfetto è a base di salsicce (klobasy) e wurstel bolliti (parky).

Tra i dolci, oltre agli strudel e alle crêpe, il dolce tipico è il trdlo (o trdelník), cilindro di pasta dolce aromatizzato alla cannella e miele.

Mappa