Panarea

Panarea è la più piccola e la più bassa delle isole Eolie. Insieme agli isolotti di Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera e gli scogli dei Panarelli e delle Formiche, forma un minuscolo arcipelago fra le isole di Lipari e Stromboli.

Lunga appena 3 chilometri e larga 2, Panarea è un’isola scenografica e mondana. Frequentata da turisti facoltosi e personaggi del jet set internazionale, che molto spesso ancorano i loro yacht lungo la costa, Panarea è conosciuta per i suoi fanghi termali, le spiagge nere e un mare meraviglioso. Inoltre, le sue case imbiancate a calce con porte e finestre azzurre, gli stretti vicoli e le buganvillee che le adornano le conferiscono tutto il fascino delle isole greche del Mar Egeo.

Il piccolo e pittoresco porto di San Pietro, Ditella e Drautto sono gli unici centri dell’isola.

Alte scogliere frastagliate caratterizzano la costa settentrionale e quella occidentale dell’isola mentre le spiagge di Panarea si trovano lungo la costa orientale e si affacciano su Stromboli. Ogni vacanza a Panarea dovrebbe prendere il via con un giro in barca dell’isola in modo tale da catturare la sua bellezza unica e i suoi scorci sensazionali.

L’isola ha poche spiagge raggiungibili a piedi ma vanta stupendi arenili fra cui la Spiaggia Nera, una delle poche spiagge di sabbia di tutto l’arcipelago delle Eolie, e la spiaggia della Calcara, conosciuta per le fumarole e i colori sulfurei con temperature che raggiungono i 100° C. La sorgente d’acqua calda che sgorga vicino alla banchina di San Pietro è utilizzata a scopo terapeutico.

Mecca per gli amanti della movida la discoteca all’aperto ultra chic a San Pietro, il cuore pulsante della notte insonne di Panarea.

Sull’isola non ci sono auto da è possibile noleggiare scooter, moto, bici, quad e golf cart.

Le spiagge di Panarea

Panarea, la più piccola dell’Arcipelago delle Eolie, vanta delle spiagge di una bellezza unica, quasi esclusivamente raggiungibili in barca, e fondali sorprendenti.

Per iniziare al meglio la vostra vacanza e scoprire da un punto di vista scenografico le spiagge di Panarea prendete parte ad una delle tante escursioni intorno all’isola.

Tra le spiagge più belle dell’isola, entrambe raggiungibili via terra, Cala Junco, una stupenda piscina naturale con acque trasparenti e dalle venature verdeggianti, Cala degli Zimmari, splendidamente incorniciata da una scogliera, oltre alla spiaggia della Calcara, vicino a Ditella sul versante nordorientale, famosa per le sue fumarole vestigia della natura vulcanica dell’isola.

Le meravigliose spiagge degli isolotti di Lisca Bianca e Basiluzzo, sul versante nordorientale, accessibili unicamente via mare, non sono da meno.

Gli appassionati di immersioni apprezzeranno il relitto della nave inglese a Lisca Bianca e i popolosi fondali di Le Formiche.

Cala Junco

Cala Junco è una delle spiagge più belle di Panarea, si trova lungo la costa meridionale dell’isola, ed è uno dei 2 arenili dell’isola raggiungibili a piedi.

La cala è una splendida piscina naturale con acque trasparenti e dalle sfumature turchesi racchiusa ad anfiteatro da alte pareti di roccia.

Facilmente raggiungibile percorrendo lo stesso sentiero che conduce alla Cala degli Zimmari, Cala Junco è famosa anche per il villaggio preistorico risalente al XVI secolo a.C. di Punta Milazzese, portato alla luce nel 1948, che si trova alle sue spalle. Il sito è composto da 23 capanne ovali dove sono stati rinvenuti anche numerosi reperti ora custoditi nel Museo Archeologico Eoliano di Lipari.

Tutte le escursioni e i tour in barca dell’isola di Panarea fanno tappa a Cala Junco. Le imbarcazioni salpano dal porto di San Pietro.

Cala degli Zimmari

Incorniciata dalla scogliera alle sue spalle e dal verde rigoglioso, Cala degli Zimmari si trova all’interno di una tranquilla baia lungo la costa meridionale di Panarea.

La spiaggia di sabbia rossa, l’unica sabbiosa dell’isola, è bagnata da un mare cristallino di color blu cobalto. Stretta e spesso affollata, specie durante i mesi estivi visto che è una delle due baie dell’isola raggiungibili a piedi, la spiaggia è un ottimo punto di accesso per il suggestivo promontorio di Capo Milazzese

Cala degli Zimmari è facilmente raggiungibile a piedi dal porto dell’isola con 20 minuti di cammino seguendo il sentiero che conduce a Drautto e prosegue per il villaggio preistorico e la spiaggia di Cala Junco.

Cosa vedere a Panarea

La piccola ed esclusiva Panarea è di una bellezza disarmante tutta da ammirare da Punta del Corvo, il punto più alto dell’isola a 421 metri sul livello del mare.

L’isola vanta spiagge sensazionali e importanti vestigia storiche come il villaggio preistorico dell’età di bronzo di Punta Milazzese, nella parte meridionale dell’isola, e gli edifici Romani di Basiluzzo, un’isolotto a forma di cupola da dove si gode di una stupenda vista di Panarea e di Stromboli.

Tra le spiagge di Panarea meritano assolutamente una visita Cala Junco e la Cala degli Zimmari. Molto pittoreschi anche i 3 centri abitati dell’isola: il paese di San Pietro, centro della mondana vita notturna, Drautto e Ditella, conosciuta per le sorgenti termali.

Le famose fumarole sottomarine di Panarea possono essere ammirate vicino allo scoglio di Bottaro, al largo della costa orientale dell’isola, e lungo la spiaggia di Calcara.

Per scoprire i luoghi più caratteristici dell’isola, tra cui la Grotta degli innamorati di Lisca Bianca, prendete parte ad una delle numerose gite in barca organizzate dagli isolani.

Panarea insieme agli di Basiluzzo, Spinazzola, Lisca Bianca, Dattilo, Bottaro, Lisca Nera, Panarelli e Le Formiche crea un minuscolo arcipelago all’interno dell’arcipelago delle Eolie.

Mappa